Social

NSFW

Miss Sorry, I Am Naked On The Internet: l’intervista “pop”

Pubblicato

il

miss sorry

Una Miss Sorry… a “nudo” per Cyberdude!

Ne avevamo già parlato nel nostro precedente articolo: il progetto I Am Naked on the Internet è una coloratissima realtà, fatta di libertà sessuale, divertimento e tanta, tantissima leggerezza.

Abbiamo allora chiesto alla fondatrice Camilla Cianfrone Leoni in arte Miss Sorry di parlarci più approfonditamente di se stessa e di come è nata l’idea dietro questa splendida iniziativa. 

Ed è con immenso onore che andiamo a presentarla.

miss sorry

(PH: Paolo Joe)

Benvenuta, Miss Sorry, grazie per la tua immensa disponibilità!

Grazie mille a voi per questo angolo coccolo e rosa che mi dedicate.

Facciamo un piccolo excursus: chi è Camilla? Come è diventata la fotografa e stylist Miss Sorry?

Sono la nipote di un fotografo, cresciuta nella galleria d’arte di famiglia tra il colore e i pittori contemporanei. Dato che la fotografia era “cosa immensa per me” (visto che la padroneggiava il nonno, per me una divinità) ho cominciato a “girarci attorno”, forse involontariamente e forse no. Ho studiato fashion stylist, che mi ha avvicinato ai set fotografici e al mondo della fotografia per poi essere notata e diventare modella per svariati anni.

Quando mi sono resa conto che cominciavo a correggere i fotografi e sul set mi muovevo come se fossi a casa mia,  ho capito che era meglio passare anche dietro l’obbiettivo.

Se ti dicessi… Suicide Girls?

E’ stata un’esperienza importante per me: 13 anni fa, quando lo sono diventata, era considerata una cosa molto hard core, bisbigliata alle orecchie di qualcuno.

Io che venivo da una famiglia intellettuale ho colto la palla al balzo per… rompere le palle ai miei genitori e fare qualcosa che ritenevo provocatorio.

La data di nascita di “I’m naked on the internet”.

Immagino sia maturato durante tutta la mia carriera fotografica ma abbia preso forma in due momenti.

Il primo ad Aprile 2018, quando, ho lasciato Roma con la coda tra le gambe e il cuore a pezzi per uno stronzo. Mi sentivo incompresa e piena di etichette che non mi rispecchiavano.

miss sorry

(PH: Paolo Joe)

Il secondo momento è stato parlando con Lilyt Sg, che, fino a che ha potuto è stata mia assistente. A lei ho regalato un cappellino con scritto “I am naked on the Internet” per Natale: condividevamo spesso la frustrazione di non poter pubblicamente dire il semplice fatto di posare nude, e mi sembrava un modo ironico per spronarla a fregarsene di quello che, nel suo piccolo paese, avrebbero potuto dire di lei.

Il titolo in effetti dice già tutto: non un’ammissione, bensì una fiera conferma, con un sorriso smagliante, alla faccia di chi condanna il nudo online. Pensi che questo nuovo e fresco punto di vista riesca davvero a cambiare le cose?

Certo. Cosa non è possibile saperlo, ma qualcosa senza dubbio.

Eppure, non si parla solo di nudo in sé per sé, esatto?

Esatto, I am Naked darà voce a tutte le pecore nere. Ovvero a chi ha fatto scelte scomode per la società, di tipo intellettuale, artistico o di vita.

Ma sopratutto, non solo ragazze: anche una lotta contro l’omofobia e la discriminazione. Una vera e propria “armata” contro i pregiudizi, di cui chiunque può farne parte…

Tutti sono i benvenuti nella nostra Naked Army!

Sono online inoltre anche dei teaser trailer decisamente interessanti… Vuoi parlarcene o troppi spoiler?

Io sono un tipo febbrile e vulcanico: i teaser che vedi li abbiamo girati a zero budget parecchi mesi fa. Volevo rappresentare i luoghi comuni di cui tutte noi pecorelle nere siamo vittime. Ora siamo al lavoro sulle interviste (di cui metà sono state già girate) e sui contenuti speciali, dove faranno la comparsa dei personaggi da me inventati che, con ironia, avranno un ruolo sexy, divertente e educativo.

La prima di tutte Miss Fountaine, ex pornostar. Yeah!

Qualcuno ha detto per caso… Calendario?

Cosa c’è di più bello di avere sotto gli occhi tettine, gioia e colore per 12 mesi?

Da qui nasce il calendario, come tutto il progetto, è autofinanziato per cui acquistando il calendario e il merch abbiamo la possibilità di finanziare nuovi contenuti.

Ora la domanda più importante, quella che si tramanda nei secoli dei secoli: ma quindi sei team tette o culo?

Team sorriso, mi piacciono troppo.

miss sorry

In Conclusione

Ringraziamo ancora la cara Miss, cogliendo l’occasione per informarvi che il sito ufficiale del progetto sarà online il 15 novembre!

Vi lasciamo inoltre come sempre tutti i social dedicati al progetto:

 

[ crediti foto in evidenzia, PH: Paolo Joe ]

Seguici sulla nostra Pagina Facebook, sul profilo Instagram ed entra nel nostro gruppo su Telegram.

Scrittrice free lance, ammette senza alcun problema di essere appassionata di erotismo, in tutte le sue forme, sfumature e colori. Fate l'amore non fate la guerra, diceva qualcuno. Ebbene, non è poi così male come idea, dopotutto.

Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popolari