Connect with us

Internet

Heaven’s Gate: la storia della setta ufologica

Published

on

heaven's gate

Il culto che ha causato un suicidio di massa a tema UFO e che sconvolse  il mondo nel 1997.

Heaven’s Gate è una setta religiosa  fondata da Marshall Applewhite  nei primi anni Settanta. Secondo gli ex adepti, Applewhite  era un mediatore tra gli esseri umani e gli alieni.

Per comprendere la tragedia di Heaven’s Gate, bisogna innanzitutto analizzare l’immaginario collettivo nei confronti degli UFO, un termine usato dai media americani negli anni Cinquanta per spiegare l’ondata di oggetti non identificati. Il termine infatti fu largamente adoperato proprio in quegli anni,  influenzando romanzi, film e serie TV.

Heaven's Gate

Un presunto UFO fotografato a Passaic nel New Jersey il 31 luglio 1952.

Questo fenomeno ha però favorito anche la nascita di veri e propri movimenti spirituali, come viene spiegato in un articolo apparso sulla rivista Christian Century  il  7  maggio 1997:

“Dietro tutti questi movimenti e credenze si trova una mitologia della creazione che rifiuta l’evoluzione come concetto scientifico. Pertanto, gli UFO sono diventati sia un veicolo di creazione, provvidenza e salvezza finale in un universo spiritualizzato che ricorda il primo gnosticismo”.

Un altro elemento cardine di questi movimenti sono le profezie bibliche, cioè versi del nuovo e vecchio testamento che annunciano eventi straordinari categorizzati da queste sette come extra terrestri.

L’origine di Heaven’s Gate

La storia di questa setta inizia nel 1974 quando Marshall Applewhite  fonda insieme a Bonnie Nettles  il  gruppo religioso HIM (Human Individual Metamorphosis). La setta cambiò diverse volte il proprio nome, fino a diventare Heaven’s Gate.

La struttura della setta era piramidale: al sopra di tutti c’era proprio Applewhite, che si considerava il “rappresentante attuale” di Cristo sulla terra era la guida per arrivare a “Un piano superiore dell’esistenza“.

HEAVEN'S GATE

Marshall Applewhite e Bonnie Nettles in una foto di fine anni 70 (archivio Associated Press)

La svolta arriva nel 1985 con la morte Bonnie Nettles: infatti in questo periodo Applewhite cambia molti aspetti del gruppo religioso, come il metodo di reclutamento degli adepti tramite nuovi mezzi di comunicazione.

Ad esempio tramite il loro sito internet, dove il fondatore introduce regole più rigide per entrare dentro la setta. I nuovi membri dovevano infatti abbandonare le vite precedenti e dedicarsi alla vita collettiva senza avere tentazioni di nessun tipo.

Verso le porte del paradiso

La setta va avanti fino al 1997, quando le continue notizie dall’avvicinamento alla Terra della cometa  Hale-Boop convincono Appelwhite  che è il momento giusto per lasciare il mondo terreno e vivere una nuova vita in un’altra dimensione.

Nel febbraio dello stesso anno Applewhite fa un comizio, sceglie 50 prescelti e annuncia la data per il passaggio alla vita successiva: il 26 marzo 1997.

Nel loro sito ufficiale, gli adepti della setta lasciano un messaggio riguardo l’arrivo della cometa:

“Finalmente  Hale-Bopp ci condurrà vicino alle porte del paradiso. Come ci fu promesso, le chiavi delle porte del Paradiso sono qui di nuovo ‘Ti’ e ‘Do’ , come f Gesù 2000 anni fa […].

Il suo arrivo significa molto per noi perché ci troviamo davanti alle  porte del paradiso. Il nostro membro più anziano ci ha spiegato che l’arrivo della cometa Hale-Bopp è il segno che aspettavamo perché è giunto il momento dell’arrivo delle astronavi che ci condurranno nel loro mondo nel vero paradiso. I nostri giorni sulla terra sono giunti finalmente alla fine, ora è arrivato il momento di trasformaci in esseri superiori. Siamo pronti a lasciare questo mondo e partire con l’equipaggio di Ti.”

heaven's gate

Rappresentazione di un alieno del regno del Paradiso.

La polizia viene avvertita da una telefonata di un ex adepto, ma per loro è troppo tardi: le due pattuglie trovano dentro il ranch di Santa Fe (vicino a San Diego) 39 cadaveri: 21 donne e 18 uomini tutti appartenenti alla setta ufologica di Marshall Applewhite. tutti i corpi sono coperti  da un sudario viola, e sono tutti morti di soffocamento dopo aver assunto un mix di alcool e droghe.

La notizia ha ripercussioni in tutto il mondo, perfino in Italia.

Il giornalista Vittorio Zucconi, nei giorni seguenti alla strage scrive un articolo su Repubblica intitolato Suicidio di massa per la cometa immaginando così il momento il suicido degli adepti della setta:

“Sono morti dunque guardando verso il cielo californiano che loro sognavano di raggiungere, morendo per unirsi a esseri superiori, extraterrestri in viaggio su due UFO, e nascosti dietro la coda luminosa della cometa.”

heaven's gate

Fotografia scattata dalla polizia la sera stessa del suicidio di massa.

Heaven’s Gate oggi: che cosa resta della setta?

Dopo quasi vent’anni,  è possibile visitare il loro sito internet con il loro messaggio di addio.

Oltre a quello, ci sono anche le trascrizioni di alcuni comizi avvenuti alcuni mesi prima del suicidio come se fosse una tomba virtuale, un ricordo non solo dei fatti avvenuti il 26 marzo 1997 ma una testimonianza, come c’è scritto nella loro home page:  “Se voi studierete il materiale di questo sito, potrete comprendere la nostra gioia e il nostro proposito”.

Il sito conserva lo stile web tipico degli anni novanta, ma la cosa più incredibile è che il dominio è sempre rimasto lo stesso.

heaven's gate

Homepage del sito della setta con il messaggio di addio.

A questo punto, si aggiunge un altro tassello importante di questa storia:  Sawyer . Sawyer è infatti un ex membro della setta Heaven’s Gate che ha trascorso ben 18 anni con la setta fondata da Marshall Applewhite.

Attualmente, gestisce un suo blog personale dove parla della sua esperienza dentro la setta, commentando anche gli articoli che riguardano Heaven’s Gate e lasciando nella sezione commenti il suo punto di vista.

Oltre a questo ha pubblicato anche un libro chiamato Ti & Do Father & Jesus Heaven’s Gate Ufo Two Witnesses  dove spiega:

Questo “piccolo libro” fornisce prove dettagliate di tutto ciò che Gesù ha profetizzato per mostrare come e perché quelli chiamati Ti (Tee) e Do (Doe) erano le nuove incarnazioni  di Gesù e del Santo Padre”.

Sawyer inoltre è molto attivo anche su You Tube, dove gestisce il suo canale personale e risponde alle tutte le domande dei curiosi in merito alla sua storia.

E’ proprio lui a  rappresentare l’ultima testimonianza diretta di questa setta religiosa che guardava alle stelle per vivere un futuro migliore.

Seguici sulla nostra Pagina Facebook, sul profilo Instagram ed entra nel nostro gruppo su Telegram.

Alieno Nerd che ha lavorato dentro un museo di videogiochi sotto copertura. Attualmente si dedica all'esplorazione spaziale alla ricerca della nerdaggine pura. Adora la birra.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

− 4 = 2

Advertisement

Esclusive Facebook

Popolari