Social

Tech

Postal 2: una settimana di totale follia

Pubblicato

il

Postal Dude

POSTAL 4 NO REGERTS è stato annunciato oggi per Steam, in accesso anticipato, sequel diretto di Postal 2 (perchè il 3 era troppo brutto per giocarci).

Questo annuncio è un’ottima occasione per parlare del capitolo 2 della saga. Postal 2 è un FPS violento e scorretto, sotto tutti i punti di vista. Sviluppato da Running with Scissors, fondata nel 1985 con il nome di Riedel Software Productions da Vince Desiderio, il primo gioco dell’azienda è stato Spy vs Spy, che riscosse molto successo, ed fu seguito da numerosi giochi indirizzati prevalentemente ad un pubblico molto giovane, tra cui Tom & Jerry, Bobby’s World e numerosi giochi legati al franchise Sesame Street, pubblicati per Super Nintendo.

Successivamente la compagnia si stancò di sviluppare, sotto licenza, videogiochi per bambini, e, nel 1997, iniziò a lavorare sul primo Postal, seguito poi nel 2003 dal protagonista di questo articolo, Postal 2. Questo capitolo  si differenza dal suo predecessore sia per la visuale completamente 3D e dall’introduzione di missioni obbligatorie per poter passare al livello successivo.

Schermata del gioco

Il gioco scatenò molte controversie per la sua violenza, venendo vietato in Australia, Malaysia, Francia e Germania. In Nuova Zelanda, il possesso, la distribuzione e l’acquisto per uso personale è considerato un crimine che può essere punito con fino a 10 anni di reclusione e 275.000 dollari di multa.

Postal Dude

Il nostro protagonista, Postal Dude (che assomiglia vagamente a Crowley, della serie Amazon Prime Video Good Omens), deve svolgere mansioni quotidiane come andare a comprare il latte o riscuotere lo stipendio, ma anche comprare del Napalm oppure urinare sulla tomba del padre, il gioco si svolge nell’arco della settimana.

In quasi tutte le mansioni si troverà nei guai: infatti, nel corso del gioco si scontrerà con vari avversari (ad esempio: macellai pazzi, terroristi, ambientalisti e addirittura elefanti). Per combattere questi nemici, il giocatore avrà a disposizione diverse armi normali e alcune non convenzionali, come forbici, teste di bue tossiche, taniche di benzina.

Molotov

Il fulcro del gioco è la violenza, che in certi casi supera anche i film di Quentin Tarantino, con i poveri nemici infatti si potrà fare di tutto e generare un caos infernale.

Piccolo consiglio: scegliete la difficoltà “Heston World”, un omaggio all’attore Charlton Heston, ex presidente della National Rifle Association, una associazione sull’utilizzo delle armi negli Stati Uniti. Con questa difficoltà i PNG attaccheranno il giocatore senza un motivo preciso.

Esplorare, che bello!

Il gioco permette di esplorare liberamente la mappa, che è piena di easter egg; per esempio, è possibile trovare un HTC Vive e indossarlo ed esplorare così un negozio di videogiochi, chiamato Steme, pieno di giochi con nomi assurdi, oppure trovare un covo di kamikaze.

Attraverso l’esplorazione è possibile trovare altre chicche, come, per esempio, un cabinato arcade dove il protagonista è un barbone.

Oltre a quello, il gioco è pieno di personaggi alquanto bizzarri come ad esempio, Gary Wayne Coleman, diventato la mascotte di questo gioco oppure lo stesso fondatore della software house Vince Desiderio.

Coleman durante la presentazione del gioco

Postal 2 è disponibile su Steam dal 2013 con il nome di Postal² Complete, questa versione contiene il gioco normale e la sua espansione, Apocalypse Weekend.

Bonus: Il film di Postal

Per chi non lo sapesse il regista tedesco Uwe Boll, regista che realizza film (decisamente non belli) ispirati da alcuni videogiochi, ha fatto anche la versione cinematografica del gioco di Running with Scissors.

Ambientato nella piccola cittadina americana, come protagonista abbiamo il nostro caro Postal Dude, che in questo adattamento, per uscire dall’emarginazione professionale e umana chiede aiuto a suo zio Dave, un predicatore protestante,  e inizia a vendere bambole su internet, che alcuni terroristi vogliono usare per spargere nel mondo un virus.

Il film è orrendo da tutti i punti di vista come ogni film di Uwe Boll che si rispetti vincendo, nel 2008, anche un Razzie Awards.

Seguici sulla nostra Pagina Facebook, sul profilo Instagram ed entra nel nostro gruppo su Telegram.

Alieno Nerd che ha lavorato dentro un museo di videogiochi sotto copertura. Attualmente si dedica all'esplorazione spaziale alla ricerca della nerdaggine pura. Adora la birra.

Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popolari